google-site-verification: google3e269abf4f15ae25.html

Translate

giovedì 26 febbraio 2015

Il drone fuorilegge

La parola drone già di suo incute un certo timore, e aldilà dell'uso già riporta a scenari Flemingiani. Nelle sue missioni James Bond ha usato i gadget più strani come il respiratore miniaturizzato o le sigarette esplosive, ma mai il robottino volante. Spectre, il nuovo capitolo della saga di 007 si sta girando a Roma. In questa sua nuova avventura un drone a James Bond potrebbe far comodo, ma potrebbe costargli anche molto caro se non prende l'attestato per poterlo pilotare. Infatti se un drone non è certificato, assicurato e chi lo guida non ha un attestato (un patentino), si rischia di andare incontro a multe che arrivano fino a 64.000 euro. James Bond ha avuto sempre a che fare con apparecchiature sofisticate, e farebbe bene a lamentarsi, perché magari se le cose venivano regolamentate prima di essere vendute, lui come tanti italiani non avrebbe comprato un drone che va dai 500 ai 2000 euro e che ora non può più usare.
Una cosa è certa, se nel prossimo film vuole pilotare un APR deve mettersi in regola, perché in caso contrario persino la licenza di uccidere non gli eviterebbe una bella multa salata...

Si rischia che con i droni ci faremo solo questo

Nessun commento:

Posta un commento